I principali cluster europei della bioeconomia si federano in 3BI

da Chiara Mariani
Visite: 920

Quattro cluster basati in Francia, Paesi Bassi, Regno Unito e Germania hanno unito le loro forze sotto il nome di InterCluster 3BI - Brokering per dare ulteriore slancio all'economia da fonti rinnovabili in Europa. Il loro obiettivo è quello di aiutare le imprese europee ad accedere a nuovi mercati

3BI è un partenariato strategico europeo che si basa sui punti di forza complementari di quattro poli di innovazione regionali: Biobased Delta (NL), BioEconomy (DE), BioVale (UK) e IAR - Industries & Agro Ressources (FR). Tutti e quattro i cluster utilizzano la bioraffinazione per convertire risorse biologiche in materiali, prodotti chimici, combustibili, alimenti e mangimi. I quattro cluster hanno intenzione di lavorare insieme nella ricerca, lo sviluppo e la diffusione di nuovi approcci high-tech alla conversione di biomasse e rifiuti in prodotti e applicazioni a valore aggiunto.

La produzione di risorse biologiche rinnovabili e la loro conversione in prodotti per tutti i giorni come il cibo, mangimi, energia, prodotti chimici e altri materiali è in rapido aumento. La bioeconomia crea nuovi mercati per prodotti innovativi in ​​tutto il mondo. Le aziende europee hanno bisogno di sostegno per poter accedere a questi importanti nuovi mercati con successo.

I partner di 3BI si concentrano sulla crescita, l'innovazione e la specializzazione intelligente delle loro regioni. Il loro obiettivo è promuovere soluzioni sostenibili per minori emissioni di anidride carbonica e di sostituire materie prime fossili in scala industriale.

Biobased Delta

È un polo di open innovation basato sulla collaborazione tra il settore agro e la chimica con un focus su materie prime, agricoltura e rifiuti alimentari, chemical building blocks come bio-aromatici e molecole funzionali e sostenibili, tecnologia di processo.

Bioeconomy Cluster

È  un polo di open innovation che si concentra sull'uso di materiali rinnovabili, materie prime lignocellulosiche, prodotti innovativi e costruzioni in legno, prodotti chimici di base, plastica, materiali compositi a base biologica, componenti leggere per l’industria automobilistica, componenti per il packaging e bioenergia.

BioVale 

È  un polo di open innovation che riunisce i punti di forza di due regioni inglesi (Yorkshire e Humber) nel campo della ricerca a livello mondiale, dell’industria e dell'agricoltura per facilitare l'innovazione con una particolare attenzione sulla valorizzazione dei rifiuti biodegradabili, prodotti chimici ad alto valore aggiunto da, combustibili lignocellulosici, prodotti chimici, agricoltura e innovazione tecnologia.

IAR - Industrie et Agro-Ressources 

IAR è un cluster innovativo, che riunisce le componenti dell'intera catena del valore (agricoltura, agroindustria, chimica e industrie dei materiali) e progetti di sviluppo cooperativo di R & I con applicazioni industriali (€ 1,4 miliardi investiti negli ultimi 10 anni), concentrandosi principalmente su quattro aree strategiche: biocarburanti avanzati, prodotti bio-chimici, bio-materiali e gli ingredienti per prodotti alimentari. IAR è uno dei principali attori dello sviluppo nella bioeconomia europea, con un ruolo di primo piano nella Public Private Partnership delle Bio-Based Industries.