Prospettive del mercato dei biocarburanti al 2018

da Chiara Mariani
Visite: 904

Il mercato dei biocarburanti a livello mondiale è costituito da un vero e proprio pot-pourri di situazioni regionali, politiche nazionali, disponibilità di materia prima, disponibilità di finanziamenti, preoccupazioni energetico e di sicurezza alimentare e un mix di miope stupidità. La buona notizia è che l’analisi dei dati può sempre essere utilizzata per attutire il rumore di fondo e dare una logica a quanto avviene. Un contributo da Lux Research, una società americana indipendente di ricerca e consulenza strategica nel campo delle tecnologie emergenti.

 

L'industria dei biocarburanti a livello mondiale ha in media un tasso di utilizzo del 68% nel periodo 2005-2014, raggiungendo un picco dell’80,9% nel 2007 e scendendo a un minimo del 56,9% nel 2012, con una leggera salita di nuovo al 60,4% nel 2014. Nonostante il basso utilizzo della capacità produttiva, e la prolungata riduzione dei prezzi dei combustibili fossili, si prevede che la capacità produttiva globale di biocarburanti continuerà a crescere da 55,1 miliardi di galloni all'anno (BGY) a 61,4 BGY nel 2018, ma la crescita non sarà una semplice continuazione dei trend attuali corso.

Mentre etanolo e biodiesel continueranno a dominare in termini assoluti, questi cresceranno a solo un Compound annual growth rate dell’1,5% fino al 2018. Nuovi combustibili e materie prime guideranno il settore dei biocarburanti in avanti in un modo molto più veloce con rispettivamente un Compound annual growth rate del 17% e del 22% fino al 2018.

Il biodiesel di prossima generazione guida la crescita della capacità produttiva sino al 2018, rappresentando il 56% (2,7 BGY) dei nuovi combustibili. Con il dibattito "Food vs Fuel" in pieno svolgimento, l'uso di oli vegetali in regioni come l'UE è stato limitato. Gli oli emergeranno come la materia prima principale coprendo il 61% della produzione di biocarburanti di nuova generazione, con una capacità di 3.0 BGY nel 2018.

Tuttavia, raccogliere grandi quantità di materia prima rimane economicamente un ostacolo importante a causa della disponibilità decentrata. L'etanolo cellulosico e il diesel rinnovabile rappresentano i successivi protagonisti con rispettivamente il 19% (904 MGY) e del 14% (690 MGY) della capacità totale di produzione di combustibile di nuova generazione nel 2018. Cina, Stati Uniti e Brasile guidano la crescita della produzione espansione di etanolo cellulosico e rappresenteranno rispettivamente il 35%, 27%, e il 10% della capacità produttiva nel 2018.

Mentre su scala commerciale di etanolo cellulosico è diventato realtà nel 2014, la logistica delle materie prime rimane ancora uno dei principali ostacoli per il suo sviluppo.

Il diesel rinnovabile è un combustibile ottenuto con una tescnologia diversa dal biodiesel. Quest’ultimo è ottenuto tramite una transesterificazione in cui alcol e oli vegetali reagiscono producendo un estere (il biodiesel) e glicerolo. Il biodiesel rinnovabile è ottenuto attraverso la raffinazione degli oli vegetali e non produce glicerolo, ma solo combustibile. Anch’esso affronta numerose barriere pure. Mentre le aziende come Neste, Renewable Energy Group (REG) e Diamond Green Diesel hanno mostrato risultati commerciali promettenti nel 2014, saranno in concorrenza con il biodiesel di nuova generazione per le stesse materie prime.

Poiché la disponibilità di materia prima è un fattore critico sia nell'economia che nello sviluppo della scala di produzione dei biocarburanti, le aziende devono implementare strategie innovative della catena di fornitura per battere i concorrenti. Ad esempio, UPM riduce i rischi di materie prime sfruttando il proprio approvvigionamento di sego e Diamond Green Diesel si assicura grasso animale attraverso una joint venture con Darling Ingredients. Chi controlla una fornitura significativa di materie prime robusti ha un significativo potere di controllare dove si investe in nuova capacità produttiva di biocarburanti, ma deve valutare con attenzione la propria strategia di accordi.

Gli utilizzatori a valle devono anch’essi essere pronti ad agire e sapere dove intervenire.

La produzione di biocarburante per aeroplani (bio-jetfuel) ha registrato alcuni notevoli sviluppi di partnership attraverso l'intera catena del valore data la relativa infanzia della tecnologia, con le maggiori compagnie aeree che stanno già prendendo partecipazioni rilevanti nelle società di sviluppo, annunciando voli di prova, investimenti e partnership strategiche. Compagnie del calibro di Cathay Pacific, United Airlines e Southwest Airlines hanno siglato accordi con i propri rispettivi sviluppatori, bloccando quantità significative di combustibile per i prossimi 10 anni.

I biocarburanti non sono un mercato ideale dove "se li produci, i clienti arriveranno", ma ci sono opportunità di crescita a condizione che le giuste strategie siano basate ​​su una precisa visione per costruire una capacità che abbia senso nel lungo periodo.